home Casa-Museo l'uomo lo scultore il pittore il poeta la critica la criticabibliografia la criticabibliografia



"Vorrei che la mia scultura, amica di quei ceppi e di quegli abeti tra cui sono nato, scovasse nell'anima della mia gente ciò che desta stupendo interesse della natura, la potenza grandiosa di una foresta inesplorata portata alla critica del pubblico dell'oggi solo tra mille e più problemi tra descrizioni esistenziali. Vere e false. E la carovana dell'oggi cammina ancora imbrattata di fango. Ma da questa musica instancabile, cerco il mio mondo, per coloro che ancora intravedono il vero senso della vita e dell'esistere."
(Cirillo Grott)
 

 


Prometeo, 1964-65
melo, h 160 cm
 
"La mia forse è un'espressione povera, umana, sa di lamento in ogni questione grande e piccola. Guardo gli altri e forse sono tutti travagliati per un mio particolare modo di vedere. Questo travaglio, queste braccia tese, tra la gente e nel silenzio.
Poveri esseri siamo, messi a disposizione di tutte le forze della natura, più grandi di noi. E qui, in questo passaggio sappiamo odiarci e tradirci, anche amarci e sentirci due in uno in un baleno, in un mondo (quale mondo) solo per noi destinati a cadere forse prima del tramonto, o dopo il tramonto, comunque fra le cose che tramontano.
E siamo morti ora, crudeli amici del silenzio, per un silenzio che non ci pensiamo come silenzio umano."

(Cirillo Grott)

 


Cristo, 1989  
bronzo, h 82 cm 

"L'arte di Cirillo Grott è tesa ad afferrare l'intima realtà delle cose, la loro stessa sostanza in una rigorosa semplificazione delle forme che esprimono l'emozione sentimentale dello scultore e il suo lirico atteggiamento che plasma con soffusa tristezza le sue immagini, che parla con innocente freschezza e con amore, con intimità gentile e discreta, con rigoroso equilibrio di volumi accordati fra loro.

Il ritmo purissimo, musicalmente scandito dalla mano, sembra quasi sfiorare la stessa corposità delle figure stemperate in una luce di inconsueta trasparenza e limpidità. É l'uomo artista della straordinaria intensità espressiva, della maturità di stile pazientemente raggiunta, della sinteticità descrittiva che richiama l'arte ermetica dei primi inimitabili artisti del ferro e del bronzo.


 

Amanti al passo di danza,
1989-90, bronzo, h 43 cm

 

La poesia della scultura attinge quindi alle sorgenti primigenie della natura, si stempera nella realtà della vita, emana il profumo e il colore dei metalli e dei legni, diventa musica e incanto. É un simbolismo che ci dice che fuori di noi si può trovare la pace purché essa, anche a nostra insaputa, si sia già impossessata del nostro io.

Cirillo Grott, questo solitario della montagna, ha tradotto in composizioni preziose, attraverso una folgorazione intima, frammenti di verità che da tempo attendevano nel buio dell'inconscio di vedere la luce, composti e guidati dalla sicurezza interiore di un uomo, verso una meta ben definita.

Cirillo Grott, solo con la sua arte, nella sua montagna cerca di carpire al sole, all'atmosfera, alla luce, al legno, al metallo, una linfa che scorre nelle vene di una materia capace poi di trasformarsi in opera d'arte." (Leo Rubboli)




Maternità, 1969
terra cotta, h 31 cm


La critica      Biografia di Cirillo Grott


© 2000 - 2010 Grott
ultimo aggiornamento
12 marzo 2010

Casa - Museo Cirillo Grott
38064 La Guardia di Folgaria - Trentino - Italia
tel. +39 0464 720190 - fax +39 0464 721638

Associazione A.R.C.A.
con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio
Provincia Autonoma di Trento
segreteria organizzativa: Sandra Grott - tel +39 0464 721638

e-mail:
 info@grott.net

web design
Martin de la Cruz